“Verrà la morte e avrà i tuoi occhi” – Stelio W. Venceslai/Maurizio A. De Pascalis

30,00  24,00 

SINOSSI

Affrontare il tema della morte nelle sue molteplici variazioni è stato un lungo percorso davvero complesso.
Si parte dall’abusato problema dell’immortalità per passare all’anima, al credo religioso, allo scopo della vita, alle acrobazie intellettuali per spiegare l’inspiegabile e tentare di conciliare la nostra ansia di vivere con l’incognita onnipresente della fine.
I cimiteri, di per se stessi, costituiscono un variegato continente dalle mille sfaccettature.
Gli esseri umani hanno cercato sempre di farsi una ragione della morte. cercando di conservare i resti fisici e la memoria dei defunti. Dal piccolo tumulo di terra ai mazzetti di fiori deposti accanto alla salma dei nostri lontani progenitori, dal mucchio di pietre ai dolmen, fino ai grandiosi monumenti architettonici eretti in onore del defunto o ai complessi sistemi cimiteriali oggi esistenti in tutto il mondo con i rituali ad essiconnessi.
La narrazione di un fenomeno così importante non può che partire dalla constatazione che l’essere umano, come le piante, gli animali, l’Universo stesso, abbiano un principio ed una fine che si rinnova nel tempo. Una specie d’ineluttabile transito temporale.
Diversamente da tutti gli altri esseri viventi, però, la percezione umana si ribella a questa fine.
Quell’anima, una realtà indefinibile che attribuiamo a noi stessi, siamo in genere convinti che non possa concludersi con il disfacimento del corpo. In realtà sopravvive nella nostra memoria, ma di per se stessa, secondo le più diffuse convinzioni umane, non dovrebbe scomparire con la morte fisica del corpo.
Alla vita e alla morte è connessa l’idea della divinità e, con essa, di un mondo migliore i cui le anime dei giusti, ma forse tutte le anime, dovrebbero fruire dopo il loro percorso terreno. La dicotomia fra il bene e il male, l’oscurità e la luce, nasce proprio dalla speranza di una vita possibilmente eterna.

 

GLI AUTORI

Stelio W. Venceslai

Stelio W. Venceslai, nato a Bologna, studi classici nelle Marche, laurea a Roma in Giurisprudenza, docente universitario, alto dirigente nell’Amministrazione dello Stato, conferenziere, polemista, scrittore, saggista, imprenditore e commentatore radiofonico.
Ha ricoperto numerosi ruoli come esperto in materia di cooperazione internazionale e comunitaria e in alcune Organizzazioni internazionali. Si interessa di ricerche sociologiche, filosofiche e storiche, con particolare riferimento al mondo templare e medievale ed alle mutazioni sociali del nostro tempo, in materia di storia, economia, politica e geopolitica, argomenti sui quali ha collaborato e collabora con numerose riviste, nazionali e internazionali e giornali on-line.
Con Edizioni Nisroch ha pubblicato: “Storia antica e moderna dell’Ordine del Tempio”, “Etica Templare”, “Historia Minima” (Volumi 1-2-3-4), Poesie (Volumi 1-2-3), “Il Parmense”, “La Quarantena”, “Storia inquieta dell’unità d’Italia”, “L’italo-americana”, “Corinne e il trombettista”.

Maurizio Antonio De Pascalis

Maurizio Antonio de Pascalis, nasce a Melendugno (Le) nel 1952. Medico specialista ortopedico, da circa 40 anni esercita la professione a Roma, prima nel SSN e ora privatamente.
Docente della formazione medico specialistica, è autore di numerose pubblicazioni in campo medico.
Studioso di alchimia e altre tematiche esoteriche da sempre, ha pubblicato libri su questi argomenti con Nisroch.
Ha pubblicato con Edizioni Nisroch: “La via alchemica”, “Storia di un iniziato” ed è co-autore con Alessandra Piccininidel libro “Mithra, Deus Sol Invictus”.

 

Descrizione

ISBN: 9791280990587
Formato: 17×24 cm
Pagine: 528
Collana: Libera-Mente

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo ““Verrà la morte e avrà i tuoi occhi” – Stelio W. Venceslai/Maurizio A. De Pascalis”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *